segui Lunigianalasera.com.com su facebook    
 

 

Pontremoli, tangenti in comune

Tangenti, parla un imprenditore
 
RASSEGNA STAMPA E AGGIORNAMENTI

 
 
PONTREMOLI, TANGENTI IN COMUNE
 
Lunigiana la Sera, gennaio 1990, pag. 29
Pontremoli, tangenti in comune
 
Chi parla non è un cittadino qualsiasi, ma uno dei leader della D.C. lunigíanese. Nell'intervista che presentiamo racconta di tangenti che coinvolgerebbero due funzionari del Comune di Pontremoli.
 

di Maurizio Bardi

PARLA L'ASSESSORE

"Anche in Lunigiana come altrove la gestione del bene pubblico si mescola talvolta con gli affari privati di qualcuno che conta. Con una differenza: che i giornali non denunciano e le strutture giuridico-amministrative sono latitanti. Il risultato è che in Lunigiana per chi sgarra è molto più facile farla franca."
Chi parla non è un cittadino qualsiasi. E' un politico, anzi un assessore del Comune di Pontremoli, un odei leader della D.C. lunigianese.
Nando Magnani in uno sfogo accanto al camino nel suo ristorante sotto il Passo della Cisa ci racconta due o tre cose e qualche perchè.
La sua denuncia è precisa: "Nel Comune di Pontremoli le tangenti non fanno storia, non perchè non ci siano, ma perchè quasi nessuno pensa che sia possibile eliminarle, controbatterle , controllarle.
E la corruzione non è la sola piaga. L'incapacità e l'incompetenza dilagano. Tutto ciò impedisce che la nostra città stia al passo con i tempi, facendola rimanere sì un piccolo paradiso, ma anche un deserto di idee."

DI CHI SONO LE RESPONSABILITA'

Le responsabilità secondo l'assessore sono certamente dei politici ma soprattutto di una burocrazia, piccola ed egoista, che, non controllata per inedia, ha sviluppato un potere sproporzionato.
"Si sono rivolti a me, continua Magnani, molti imprenditori, forse una decina, e mi hanno detto: - Per ottenere cio che spesso è nostro diritto siamo costretti ad essere troppo disponibili verso un certo X e un certo Y. Spesso siamo costretti a pagare tangenti".
E aggiunge: "Io non ho prove per giudicare se X e Y prendono realmente tangenti, ma di certo so che X nel suo settore fa il bello e il cattivo tempo. Favorisce o ostacola i piani di lavoro secondo le proprie convenienze e addirittura è riuscito per anni con complicità incomprensibili ad impedire la nomina di un dirigente sopra di lui a capo dell'ufficio. Nell'ambiente dell'amministrazione comunale tutti sono scontenti ma nessuno lo contraddice. Forse perchè qualcuno è complice o forse perchè è faticoso e a Pontremoli, si sa, la fatica fa paura.
Intanto le decisioni vengono prese in funzione non dell'interesse pubblico ma dei piccoli interessi di chi "sa essere amico" e di chi sa approfittare di questa amicizia.
Ci sono ditte poi che riescono ad incassare velocemente ed abbondantemente le loro fatture mentre altre, apparentemente a causa di imperfezioni burocratiche o forse perchè non compiacenti, vedono dilatare in tempi lunghissimi le parcelle che spettano loro."

L'INCOMPETENZA

"Cambiamo argomento. Parliamo di incompetenza.
All'inizio dell'89 è stato affidato al direttore della Camera di Commercio della provincia il compito di redigere un piano del commercio. Dietro un compenso di 21 milioni. Ma nella stessa delibera di affidamento dell'incarico è stato dimenticato di inserire il compenso per la prestazione. Naturalmente il comitato di controllo ha bocciato la delibera che è stata rimandata indietro. Il segretario comunale Genco ha tenuta nascosta la cosa, forse per vergogna, per più di quattro mesi, con il risultato che ancora oggi la città reclama il piano del commercio, che è ancora in alto mare.

AFFERMAZIONI CHE FANNO RIFLETTERE

Le affermazioni di Nando Magnam ci sembrano pesanti e fanno certamente riflettere. Ci aiutano a capire che troppe situazioni a Pontremoli sono paradossali.
Non pretendiamo certo di compilare la lista delle cose buone e delle cose cattive. Non ne siamo in grado. Per ora. Vi sono però alcune vicende che ci sembra giusto ricordare.
Purtroppo per mancanza di spazio ne proponiamo solo due, quelle legate al piano regolatore e alla costruzione della nuova caserma dei carabinieri. Sulle altre, ma anche su queste, ritorneremo il prossimo numero.

IL PIANO REGOLATORE

Nel 1983 il piano regolatore è stato affidato all'architetto Crocini che a distanza di sette anni non ha ancora presentato il progetto. Perchè? Da molti settori dell'opiníone pubblica arrivano richieste di spiegazioni e pressioni affinchè sia una buona volta realizzato. Ma nulla si muove. Forse perchè i notabili che gestiscono la politica urbanistica non si sono ancora accordati sulle spartizioni da realizzare? O perchè un gruppo non ha ancora prevalso su un altro? Ma l'architetto Crocini non è un tecnico che dovrebbe pensare il piano regolatore sulla base della convenienza del bene pubblico? Se è così, come noi vogliamo credere, perchè allora tanta trascuratezza nel ritardare un lavoro che poteva essere fatto in due anni o al massimo tre? Ci piacerebbe saperlo.

LA NUOVA CASERMA DEI CARABINIERI

Che dire poi della nuova caserma dei carabinieri? C'è chi sostiene che i due progettìsti, i fratelli Bergarnaschi, abbiano sbagliato tutto. Disegnando un edificio che non rientrava nel pezzo di terreno disponibile, hanno obbligato il comune a costruire costosissimi muri di sostegno. Loro si difendono accusando: "Qualcuno voleva quei muri, siamo stati costretti."
La soluzione è inolto semplice: si apra un'inchiesta con periti giurati, si individuino le responsabilità e chi deve pagare paghi.
Non si obbietti per carità che le inchieste costano. Anche a Pontremoli di soldi per parcelle ne corrono parecchi. Solamente un certo ingegner Z ha incassato alcune centinaia di milioni negli ultimi tre anni per progetti conirnissionati dal Comune, molti dei quali mai realizzati.
Lunigiana la Sera, gennaio 1990, pag. 29

 

 
 
 
 
 
 
Pontremoli tangenti in comune
 
LUNIGIANA la SERA, Gennaio 1990
 

Pontremoli, tangenti in comune

Tangenti, parla un imprenditore
 
RASSEGNA STAMPA E AGGIORNAMENTI

 
 

© 2013 Copyright www.lunigianalasera.com
Fondatore del sito: Maurizio Bardi
Tel. +39 320 0286339

Per informazioni
E-Mail: info@lunigianalasera.com

 
   
Visite dal 7 aprile 2010